Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Inflitti 5 mesi e 10 giorni al "ladro delle offerte"

DUE PROCESSI IN DUE ORE

Davanti al giudice il 47enne di Ponzano Andrea Tesser


TREVISO – (gp) Due processi nello stesso giorno per fatti analoghi anche se distinti e altrettante condanne, peraltro identiche. Il ladro di offerte Andrea Tesser, 47enne di Ponzano, ha rimediato infatti 5 mesi e dieci giorni di reclusione (due mesi e venti giorni a condanna) e una multa complessiva di 200 euro, più di quello che era riuscito a raccimolare alleggerendo le cassette delle offerte all'interno dei luoghi sacri della Marca. L'uomo, dopo aver ottenuto l'obbligo di dimora lo scorso venerdì, era finito alla sbarra dopo essere stato sorpreso, in entrambi i casi, in flagranza di reato. L'ultimo colpo in ordine di tempo era stato commesso a Miane, nella chiesa della Madonna del Carmine. Come in altre occasioni stava cercando di estrarre con un metro alla cui estremità aveva posizionato del nastro biadesivo il denaro contenuto nelle cassette delle offerte. In tutto, secondo quanto stimato dagli inquirenti, aveva già trafugato 150 euro. Il 13 giugno scorso era finito in manette per un fatto analogo: anche in questo caso era stato beccato in flagranza all'interno della chiesa di San Carlo Borromeo a Ponte della Priula. Fingeva di pregare chino sulla statua della Madonna ma in realtà stava svuotando la cassetta delle offerte con la sua tecnica preferita ed era già riuscito a prelevare ben 25 euro. A fermarlo era stato il parroco che aveva notato i suoi movimenti sospetti tra i banchi del luogo sacro. A dicembre aveva anche colpito nella chiesa di Camalò: anche in quel caso era finito in manette per essersi impossessato di 41euro e 93 centesimi lasciati dai fedeli all'interno delle cassette per le offerte.