Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente aveva parlato di "connivenze interne"

AMIDEVI, MURARO NEL MIRINO

Querele di Sernagiotto, De Mitri, Trentin e Masullo


TREVISO - Il presidente della provincia di Treviso, Leonardo Muraro, è stato querelato per diffamazione, attraverso l'avvocato Fabio Crea, da quattro esponenti del Pdl: l'assessore regionale Remo Sernagiotto, Alessio De Mitri, Barbara Trentin ed Antonella Masullo. A provocare la dura reazione degli azzurri sono state le recenti dichiarazioni del numero uno del Sant'Artemio sul caso Amidevi e Sphera. Le due associazioni avrebbero, secondo la Procura, messo in conto all'Ente delle prestazioni mai effettuate. Il sospetto è quello di una vera e propria cricca che avrebbe spillato alla provincia circa 300mila euro. Così, parlando di “connivenze interne”, Leonardo Muraro aveva deciso che la Provincia di costituirà parte civile nel processo che per ora vede indagata la presidente delle due associazioni, Paola Nicoli. Indirettamente i sospetti del leghista erano caduti proprio sugli esponenti del Pdl che avevano gestito il sociale del Sant'Artemio.