Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bimba in affidamento al padre, 35enne denunciata

MORGANO: OPERAIA A 11 ANNI

Madre cinese titolare di una ditta di maglieria


MORGANO - D'estate, a differenza di quasi tutti i bimbi della sua età, era costretta al telaio a lavorare per ordine della madre, titolare di una ditta di confezioni che si occupa dell'assemblaggio di maglieria in via Mulino a Badoere di Morgano. Un orario di lavoro massacrante per una ragazzina cinese di 11 anni che è stata ora affidata al padre. A portare a questa scoperta un blitz congiunto dei carabinieri di Castelfranco e dei funzionari della direzione provinciale del lavoro. La madre della piccola, una 35enne è stata denunciata per impiego di lavoro minorile e per occupazione di lavoro nero. La sua attività, controllata venerdì, è stata sospesa fino a ieri: dei quattro operai al lavoro c'era, oltre alla giovanissima, un lavoratore in nero. A fare da guardia alla ditta, all'esterno a fare da palo contro eventuali controlli, c'era il nonno della baby-operaia. Quando la ragazzina ha visto i militari ha anche tentato, inutilmente, la fuga. Controllate dai carabinieri altre cinque attività: due kebab gestiti rispettivamente da un marocchino ed un albanese di Treviso e Spresiano, un bazar di Vittorio Veneto ed altri due laboratori gestiti da cinesi in cui si fabbricavano jeans a Vedelago in via Corriva, una ditta di abbigliamento sportivo a Cornuda in via Maggio. Queste ultime due ditte sono state chiuse temporaneamente: durante i controlli a Vedelago i carabinieri hanno trovato una situazione al limite con i nove operai della ditta che dormivano in due container.