Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Trovate le prove che incastrerebbero il 57enne

BUSSO VERSO IL PROCESSO

Il promotore finanziario moglianese è in cella a Lugano


TREVISO – (gp) Dopo oltre sei mesi passati rinchiuso nel carcere di Lugano (era il 9 febbraio scorso), le indagini a carico di Vitaliano Busso, promotore finanziario 57enne di Mogliano Veneto, stanno per giungere a conclusione. Gli accertamenti bancari incrociati disposti dalla Procura di Treviso, che sta lavorando a braccetto con l'Interpol, sembrano aver portato ai risultati sperati riuscendo a portare alla luce il giro di denaro messo in piedi dall'uomo in mezza Europa. Accusato di aver sottratto 2 milioni e 326 mila euro a quattro ignare famiglie a cui aveva proposto investimenti molto redditizi, con interessi anche del 15%, secondo gli investigatori Busso pare abbia messo in atto lo stesso meccanismo di raggiro in altre parti d'Europa e il gruzzolo che si sarebbe assicurato sembra sia almeno il doppio. Di nuovo c'è che i sospetti degli inquirenti sembrano aver trovato conferma, e la posizione del moglianese dunque si profila più grave del previsto. Smascherato dalla polizia locale di Treviso, sulle sue tracce si era messa appunto anche l'Interpol, con il compito di procedere agli accertamenti sui beni immobiliari di cui Busso poteva essere proprietario nel paese elvetico. Dopo che in uno dei suoi conti bancari vennero trovati 400 mila euro, le indagini si erano spostate anche in Romania, nella società di cui Busso è socio. I controlli incrociati avrebbero messo assieme i tasselli di un disegno che l'uomo stava progettando da tempo, e i cui tentacoli si sarebbero allungati in diversi paesi europei. Il lavoro degli inquirenti è stato comunque arduo: il promotore finanziario risulta infatti nullatenente visto che a Mogliano Veneto l'abitazione in cui viveva è intestata alla moglie e altri due immobili, nello specifico due appartamenti a Preganziol, sono intestati uno alla moglie e l'altro al figlio. Nemmeno l'auto che era solito utilizzare risulta essere sua. Insomma, tutto fa pensare che dietro alla condotta che lo ha portato in carcere ci siano delle idee più che chiare.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
17/06/2011 - Busso: la truffa s'allarga
11/02/2011 - Busso, si muove l'Interpol
10/02/2011 - Promotore truffa 2,3 milioni