Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fino a quattro auto in fila in attesa di contrattare

IN CODA PER LE LUCCIOLE

21 clienti per 14 prostitute: arrivano i carabinieri


SPRESIANO - Trevigiani in coda per contrattare e consumare rapporti sessuali con le lucciole. Complici il periodo estivo l'offerta sulle strade del sesso diminuisce con le prostitute che si spostano verso il litorale. Ma la domanda di avventure hard, nonostante la canicola di queste nottate, resta costante. E' questo quanto emerge dagli ultimi controlli effettuati dai carabinieri di Treviso che la notte tra mercoledì e giovedì hanno controllato il tratto di Pontebbana tra Villorba e Spresiano. Non semplice per i militari farsi largo tra le auto dei clienti per il controllo delle lucciole: sono ben 14 quelle portate in caserma a Treviso per essere identificate. Si tratta di 7 romene, 4 albanesi, una ucraina, una nigeriana ed un transessuale ecuadoregno. In alcuni casi, c'erano anche tre-quattro auto in coda: clienti che aspettavano il proprio turno (come in Posta) per visionare e contrattare le prostitute. In tutto i clienti identificati sono stati ben 21, un terzo un più rispetto al numero delle belle di notte a disposizione. Il tutto con inevitabili disagi e pericoli per il traffico notturno. Tutti, inutile dirlo, sono rimasti a “bocca asciutta” ma non sono stati multati non essendo più in vigore nei comuni controllati alcuna ordinanza contro i clienti. Nel corso dei controlli stradali i militari hanno comminato anche 19 multe, di cui 12 per guida pericolosa, alta velocità, assenza di cinture di sicurezza o uso del telefono cellulare.