Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Villorba, a casa nascondeva 150 kg di "oro rosso"

MANETTE AL LADRO DI RAME

Sorpreso in uno stabile dismesso di via Cartiere


VILLORBA - E' stato sorpreso dai carabinieri mentre stava trafugando l'ennesimo carico di rame dal tetto della sede dismessa dell'ipermercato “Panorama” di via Cartiere a Villorba. A finire in carcere un 39enne di Spresiano, Giuseppe Vanin: l'uomo è stato fermato dai militari in piena notte mentre stava prelevando alcuni cavi del così detto “oro rosso”. In mano aveva circa 20 metri ma si tratta solo dell'ultimo furto messo a segno: da tempo l'uomo si riforniva dallo stabile abbandonato. In casa ritrovati infatti circa 150 kg del metallo che era destinato poi ad essere smerciato all'estero, forse sul mercato dell'est Europa. Per entrare nell'edificio l'uomo aveva segato una sbarra del cancello e aveva posteggiato l'auto nei pressi di alcune prese d'aria per condizionatori.

Galleria fotograficaGalleria fotografica