Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La giuria attribuisce 16 riconoscimenti

AD ASOLO VINCE L'EST EUROPA

L'Art Film Festival al polacco "Paths of hate"


ASOLO – E' il polacco “Path of hate” il vincitore della 30esima edizione dell'Asolo Art Film Festival. La rassegna asolana, presieduta da Hermann Nitsch e diretta da Steve Bisson, si è chiusa con la cerimonia di premiazione al teatro Duse. Mattatore del 2011 il cortometraggio diretto dal polacco Damian Nemow, che oltre ad aggiudicarsi, come accennato, il Gran premio Asolo per il miglior film in concorso, ha portato a casa anche il titolo di miglior flm della sezione Videoarte e Computer Art, mentre allo slovacco “Voices” è andato il riconoscimento come miglior pellicola sull'Arte.

La giuria, lo ricordiamo, era composta da Vittorio Dalle Ore, già assistente di Akira Kurosawa e produttore cinematografico, Mikkel Maltha, supervisore musicale di produzioni cinematografiche, Prati Kulshreshtha, giornalista e docente universitaria indiana, Jui-Jen Shih, critico d'arte e direttore del Museum of Contemporary Art di Taipei e Simona Caraceni, docente di Informatica Museale presso l'Università degli Studi di Bologna. In tutto, la commissione ha ritenuto meritevoli 16 opere. Oltre ad un premio per la migliore pellicola di ciascuna sezione del Festival (Film sull’arte, biografie d’artista, film sull’architettura, film sul design, videoarte e computer art, produzioni di scuole di cinema, armonia e territorio), sono state assegnate quattro menzioni speciali, un Premio per la Migliore Colonna Sonora, un Gran Premio Asolo e un Premio Giuria Giovani.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
18/08/2011 - Il grande cinema ad Asolo