Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La giuria attribuisce 16 riconoscimenti

AD ASOLO VINCE L'EST EUROPA

L'Art Film Festival al polacco "Paths of hate"


ASOLO – E' il polacco “Path of hate” il vincitore della 30esima edizione dell'Asolo Art Film Festival. La rassegna asolana, presieduta da Hermann Nitsch e diretta da Steve Bisson, si è chiusa con la cerimonia di premiazione al teatro Duse. Mattatore del 2011 il cortometraggio diretto dal polacco Damian Nemow, che oltre ad aggiudicarsi, come accennato, il Gran premio Asolo per il miglior film in concorso, ha portato a casa anche il titolo di miglior flm della sezione Videoarte e Computer Art, mentre allo slovacco “Voices” è andato il riconoscimento come miglior pellicola sull'Arte.

La giuria, lo ricordiamo, era composta da Vittorio Dalle Ore, già assistente di Akira Kurosawa e produttore cinematografico, Mikkel Maltha, supervisore musicale di produzioni cinematografiche, Prati Kulshreshtha, giornalista e docente universitaria indiana, Jui-Jen Shih, critico d'arte e direttore del Museum of Contemporary Art di Taipei e Simona Caraceni, docente di Informatica Museale presso l'Università degli Studi di Bologna. In tutto, la commissione ha ritenuto meritevoli 16 opere. Oltre ad un premio per la migliore pellicola di ciascuna sezione del Festival (Film sull’arte, biografie d’artista, film sull’architettura, film sul design, videoarte e computer art, produzioni di scuole di cinema, armonia e territorio), sono state assegnate quattro menzioni speciali, un Premio per la Migliore Colonna Sonora, un Gran Premio Asolo e un Premio Giuria Giovani.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
18/08/2011 - Il grande cinema ad Asolo