Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Caerano, burlone l'ha lasciata dopo le 16 di sabato

BOMBA, INDAGINI A UN BIVIO

Finto ordigno all'In's: nei filmati la verità sull'autore


CAERANO - Proseguono intanto le indagini dei militari di Montebelluna sul caso della finta bomba ritrovata sabato, sistemata su uno scaffale, all'interno del supermarket In's di Caerano San Marco. Circoscritto l'orario in cui l'ordigno sarebbe stato piazzato dall'ignoto burlone: certamente non prima delle 16. E' in quell'orario che il personale avrebbe terminato l'etichettatura della merce e quindi gli operatori avrebbero senza dubbio notato se la finta bomba fosse stata già collocata. Dalle 16 fino a poco prima delle 20: in queste quattro ore si concentrano le indagini. Si passano al setaccio le telecamere con una lista di sospettati che sfiora le 300 persone: tante sono infatti le persone che si sono recate a fare la spesa nel tardo pomeriggio di sabato. Anche le immagini delle telecamere in realtà non sono di grandissimo aiuto alle indagini: all'interno dell'In's non sono installate ma solo all'esterno e riprendono l'andirivieni dei clienti. Il bombarolo comunque avrebbe lasciato tracce di sé molto importanti e potrebbe perfino essere stato notato da qualche altro avventore. Il giallo sulla finta bomba, in ogni caso, continua.