Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Nuova categoria costituita in Confcommercio

AUTO E MOTO, CROLLO VENDITE

I concessionari: "Settore in crisi, 2mila posti a rischio"


TREVISO - (mz) Il settore della vendita di auto e moto nella Marca è in forte sofferenza. Nei primi otto mesi dell'anno, le immatricolazioni di nuove vetture sono diminuite del 9,5% rispetto al medesimo periodo del 2010, quando già si era registrato un calo del 25%. Ancora più pesante il crollo per scooter fino a 50 centimetri cubici di cilindrata e moto, il cui mercato si è dimezzato negli ultimi sei anni. A lanciare l'allarme è il neo costituito gruppo degli operatori del comparto, nato in seno alla Confcommercio di Treviso: considerando anche la manutenzione e la vendita di ricambi, sono 2.319 le imprese trevigiane del segmento, con quasi 7mila occupati. Se i tassi di discesa delle vendite saranno confermato, a rischio, secondo gli stessi imprenditori, sarebbero in pericolo quasi 2mila posti di lavoro. Il fatturato complessivo si aggira sui 722 milioni di euro annui, poco più del 12% dell'intero commercio locale. L'aumento dell'Ipt, l'imposta provinciale che grava sui veicoli per la trascrizione nel pubblico registro automobilistico, rischia di assestare un altro colpo al settore: in seguito ai rincari decisi dal governo, chi compra un'auto verrebbe a pagare in media dai 300 ai 400 euro in più, a cui occorre poi sommare anche il rincaro della Rc auto. Per questo la categoria, lunedì incontrerà i vertici della Provincia per valutare possibili misure correttive: la richiesta è, almeno di bloccare l'imposta ai livelli minimi. Di contro si paventa anche un'emigrazione di concessionari verso il Friuli o il Trentino, esclusi dagli aumenti. Il gruppo sta lavorando, insieme alle associazioni dei consumatori, ad un contratto "tipo" per la vendita di veicoli usati.

Ai nostri microfoni, Giorgio Sina, presidente del Gruppo auto moto e ricambi di Treviso, e Michele Noal, assessore provinciale alle Attività produttive.