Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Stangata per Leandro Pavanello, pregiudicato 43enne

BANCOMAT RUBATI, TRE ANNI

I reati: ricettazione e indebito uso di carte di credito


TREVISO – (gp) Stangata a Leandro Pavanello. Il 43enne trevigiano, in carcere dallo scorso 22 maggio, ha rimediato una condanna a tre anni di reclusione con rito abbreviato davanti al gup Elena Rossi. L'uomo doveva rispondere dei reati di ricettazione e di indebito utilizzo di carte di credito. Arrestato dagli uomini della squadra mobile di Treviso il 43enne, già noto alle forze dell'ordine per cinque precedenti condanne per furto, era stato beccato grazie alle immagini delle telecamere degli sportelli bancomat dove andava a effettuare prelievi con carte di credito o bancomat rubati. Il suo travestimento era sempre lo stesso: un cappello da baseball calzato in testa e un paio di occhiali. L'uomo, come ricostruito in fase d'indagine, aveva messo a segno 4 furti di borse, perlopiù ai danni di donne, utilizzando poi i bancomat che riusciva a recuperare: un danno stimato tra i 4 mila e i 5 mila euro. Il primo colpo documentato dagli inquirenti si verificò lo scorso ottobre ai danni di un operaio lungo via Brigata Treviso, poi tre ulteriori raid, il 21 e 26 aprile ed il 6 maggio. Nel mirino in questi casi sempre donne.