Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Acquisti con assegni rubati, truffe per 300mila euro

ERA COSTRETTO A TRUFFARE

Manette a 2 nomadi strozzini ed un 46enne padovano


TREVISO - Oltre 200 truffe, almeno trenta quelle accertate dalla squadra mobile ai danni di negozianti di Veneto e Friuli: una banda di tre persone, tutte arrestate dalla polizia, acquistava piante, mezzi per il giardinaggio ed elettrodomestici con assegni scoperti o rubati. L'esecutore materiale dei raggiri era un 46enne di Santa Margherita d'Adige, Nazareno Besaggio, arrestato nell'aprile scorso e ora rimesso in libertà. A muovere i fili della truffa e ad approfittare della vena da vero “professionista del raggiro” del 46enne erano due nomadi di Treviso, arrestati martedì: il 48enne Stjepan Baricevic ed il 34enne Bruno Hudorovic. Tutti sono accusati di truffa e ricettazione di assegni mentre Stjepan Baricevic anche di usura ed estorsione. Bruno Hudorovic fungeva invece da supervisore e da trasportatore. Nazareno Besaggio era stato costretto a mettere a segno le truffe per ripianare i debiti che aveva contratto con il nomade 48enne: erano 6mila euro ma la cifra era salita fino a 15mila euro. Così per due anni, quasi quotidianamente il 46enne era stato costretto a fare acquisti con gli assegni scoperti, spesso rubati ad aziende in via di fallimento. Tra le aziende truffate c'è anche la “Van den Borre” di Treviso da cui la gang ha acquistato piante di pregio per svariate migliaia di euro; alberi che avevano abbellito il giardino dei nomadi. L'ammontare del materiale acquistato con truffa ammonta però almeno a 300mila euro. Tv, computer, frigoriferi, tagliaerba, un divano, un folletto, migliaia di bottiglie di vino per le feste e perfino un bobcat, un trattorino noleggiato per predisporre un campo nomadi a Porcellengo e mai restituito. La merce finiva in Slovenia e Croazia: finora ne è stata recuperata solo una parte per circa 80mila euro.

Galleria fotograficaGalleria fotografica