Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo un brigadiere di Castelfranco Veneto

DETENUTO PESTATO, IN AULA

La vittima, un 20enne, vuole i danni per 140 mila euro


TREVISO - (gp) Carabiniere rinviato a giudizio per aver picchiato un detenuto in cella di sicurezza provocandogli un danno permanente alla vista con la restrizione del campo visivo all'occhio destro. Con l'accusa di lesioni personali, abuso di autorità nei confronti di un detenuto e danneggiamento si presenterà davanti al collegio dei giudici del tribunale di Treviso il prossimo 6 dicembre il 53enne Enzo Turcato, brigadiere capo di Castelfranco Veneto ora in servizio a Riese Pio X. Secondo l'accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Francesca Torri, il militare avrebbe scaricato la sua ira nei confronti di un albanese di 20 anni arrestato per furto dagli uomini del Nucleo Radiomobile di Castelfranco. Una volta portato in caserma, il brigadiere capo avrebbe colpito il 20enne “al volto e a una gamba con calci e pugni mentre l'arrestato si trovava in camera di sicurezza”. Nel capo d'imputazione si legge inoltre che l'imputato “in violazione delle norme di legge nonché omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio” avrebbe danneggiato “in maniera irreparabile il telefono cellulare e l'orologio da polso” del 20enne, beni che “gli aveva prelevato al momento dell'arresto”. Il gup Silvio Maras, come chiesto dal pm, ha dunque mandato a processo il militare. In aula a dicembre ci sarà anche la vittima, costituitasi parte civile con gli avvocato Pietro Guidotto e Marco Furlan. I legali del 20enne, già nel corso della scorsa udienza preliminare, avevano presentato una richiesta di risarcimento danni di 140 mila euro chiamando in causa anche il Ministero della Difesa. L'avvocatura dello Stato aveva però presentato al giudice la richiesta di essere estromessi dall'eventuale risarcimento in quanto non responsabili di un'azione compiuta da un singolo non nell'esercizio delle sue funzioni. La richiesta è stata rigettata e quindi i legali di parte civile hanno ottenuto che il Ministero della Difesa risponda in solido con l'imputato in sede civile in caso di condanna.