Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il caso della "cittā artificiale" tra Dolo e Pianiga

VENETO CITY SOTTO ACCUSA

Le ragioni dei comitati del no


DOLO - (ag) Si è tenuta lunedì mattina a Dolo la marcia per dire No al progetto della mega area-commerciale ''Veneto City'', che nei prossimi anni dovrebbe ricoprire, con 1.600.000 metri cubi di asfalto e cemento, una vasta vasta area rurale tra Dolo e Pianiga.

A protestare ieri erano Confesercenti, Cia, Legambiente e comitati cittadini provenienti da Padova, Mestre e Treviso, che vedono in questo progetto una speculazione di rendita fondiaria, volto a creare un “iperluogo” dell'intrattenimento, dello shopping e del terziario. Il piano ha un valore stimato in 2 miliardi di euro.

Venetocity è un progetto complesso: una sorta di città artificiale che farebbe concorrenza ai servizi dei centri cittadini, come i piccoli negozi, e che incederebbe sull'ambiente e sulla viabilità aumentando traffico e inquinamento. Questo quanto lamentano i comitati, che lunedì hanno manifestato contro questo progetto, imposto da Regione, Provincia e accettato dalle amministrazioni di Dolo e Pianiga, che non risponderebbe a reali bisogni dei cittadini, che, nel merito, accusano di esser stati esclusi. Che cos'è Veneto City, per i cittadini di Dolo e Pianiga, lo spiega ai nostri microfoni Mattia Donadel, portavoce di Cat, Comitati Ambiente e Territorio.