Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Delitto di Castagnole: l'obiettivo è ridurre la pena

FAHD, RICORSO IN CASSAZIONE

Per la difesa Boichou ha un vizio parziale di mente


TREVISO – (gp) Fahd Boichou ha agito in preda a un vizio parziale di mente. Questo il motivo alla base del ricorso in Cassazione depositato dall'avvocato Sabrina Dei Rossi, il legale del marocchino condannato all'ergastolo per aver ucciso nella casa di Castagnole di Paese l’ex compagna Elisabetta Leder, 36 anni e la figlioletta Arianna, di 22 mesi. Dopo la sentenza d'appello, che aveva confermato il carcere a vita inflitto in primo grado al 29enne oltre al risarcimento di un milione di euro alla famiglia Leder, la difesa del duplice omicida è convinta che la sentenza possa essere rivista in base alle condizioni psichiatriche dell'imputato al momento dell'omicidio. Nel processo di primo grado su Fahd era già stata effettuata una perizia e il risultato disse che era lucido al momento del duplice omicidio e capace di intendere e di volere. Ma l'esito a cui era giunto il professor Roncali, nelle 32 pagine del ricorso in appello, venne definito «contraddittorio e lacunoso». Secondo la difesa di Fahd, il figlicidio di per sé è indicativo di un disagio mentale e si configura come un atto contro natura. I giudici di primo grado avevano stabilito che fu invece un omicidio crudele perché Fahd Bouichou aveva infierito sull'ex compagna Elisabetta, quasi volesse renderla cosciente che per lei non c'era scampo. Alla base del ricorso in Cassazione ci sono anche due questioni di diritto legate alla nullità, secondo la difesa, del decreto di giudizio immediato e all'illegittimità costituzionale in merito all'interrogatorio effettuato dal gip tre giorno dopo l'arresto al quale non è più seguito un colloquio con il pm al termine delle indagini preliminari per prendere posizione sulle prove acquisite dagli investigatori.