Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In manette il 29enne magrebino Salah El Hattaoui

SPRESIANO: DISABILE STUPRATA

Tre mesi fa venne assolto sempre per abusi sessuali


SPRESIANO – (gp) Era rimasto vittima di un clamoroso caso giudiziario: condannato a 8 anni di reclusione per stupro in primo grado e poi assolto in appello perchè il fatto non sussiste. In quell'occasione il procuratore generale della Corte d'Appello di Venezia aveva attaccato il tribunale di Treviso reo di aver pronunciato una sentenza di primo grado “inquietante” e “non giustificabile”. Ora, a distanza di tre mesi dal giudizio d'appello (era il 10 luglio scorso), Salah El Hasnaoui, 29enne di origine marocchina residente a Spresiano, è tornato in carcere accusato ancora una volta di violenza sessuale e sequestro di persona, ai danni però stavolta di una 30enne disabile. Il giovane è stato trovato mentre camminava per il paese proprio con la presunta vittima delle violenze. Secondo la denuncia sporta dalla donna il magrebino l'avrebbe portata nel suo appartamento (nel quale è ospite e quindi non vive solo) e avrebbe abusato di lei sul divano. Una circostanza che il giovane smentisce categoricamente: nessun rapporto sessuale e soprattutto nessuna violenza. Almeno questo è quanto ha sostenuto l'arrestato che comparirà davanti al gip per l'interrogatorio di convalida giovedì mattina. Intanto gli investigatori, per chiarire se ci sia stata o meno la violenza, hanno prelevato alcuni campioni sia dal divano che dagli indumenti intimi del ragazzo, il quale non ha opposto resistenza proprio perchè si dichiara completamente estraneo ai fatti. La difesa del ragazzo ora attende di vedere gli atti e soprattutto di stabilire se la denuncia possa essere attendibile o meno, anche alla luce dei precedenti.