Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La soluzione per riparare ai 23 milioni di debito

MOGLIANO: GRIS IN VENDITA

La proposta dell'assessore regionale Sernagiotto


MOGLIANO - Una gara europea per mettere in vendita l'Istituto Gris di Mogliano Veneto.

E' questa la proposta dell'assessore regionale alle Politiche Sociali, Remo Sernagiotto, che trova riscontro positivo anche dalle categorie dei pensionati e della Funzione pubblica Cisl e Cgil.

La proposta è stata ufficializzata ieri dall'assessore regionale durante l'assemblea tenutasi a Palazzo Ferro Fini per decidere le sorti dell'Istituto moglianese, la cui gestione, che conosce un deficit di bilancio di 23 milioni, è commissionata fino a fine anno.

Rimane lo stato di incertezza e difficoltà in cui vivono gli ospiti, le loro famiglie e i lavoratori di una struttura da 165 posti letto che eroga attività di assistenza, cura e riabilitazione a favore di adulti e anziani affetti da gravi disabilità psico-fisico-sensoriali.

Per i sindacati trevigiani la vendita della struttura pare una soluzione plausibile, nel momento in cui venga assicurata la continuità delle prestazioni assistenziali e la professionalità e i livelli occupazionali dei dipendenti.

“La messa in vendita dell’istituto – afferma Cinzia Bonan della segreteria Cisl di Treviso – potrà determinare positivamente il futuro del Gris solo evitando che il risanamento del debito avvenga attraverso tagli sui servizi agli ospiti e sul personale”. Mentre Assunta Motta della segreteria Cgil ribadisce la necessità di garanzie rispetto a chi acquista per quanto riguarda sia l’erogazione del servizio svolto nei confronti degli ospiti, che la situazione occupazionale per i diretti dipendenti e per l’indotto.