Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le indagini: piromani "volevano distruggere"

ROGO: CHIESTO DISSEQUESTRO

OnŔ di Fonte, titolari vogliono recuperare cibi e vini


FONTE - Vally Zanin ed il marito Leopoldo Vanzetto, contitolari del ristorante “Vecchio Molino” di One' di Fonte chiederanno a breve il dissequestro dello stabile andato distrutto lunedì pomeriggio in un attentato messo in atto da due piromani, attualmente ricercati. La richiesta deriva dal fatto che parte di cibi e vini, tutto materiale deperibile, sarebbe ancora recuperabile sebbene lambito dallo spaventoso incendio. Gli investigatori proseguono intanto le indagini sul rogo. Esclusa l'ipotesi di un gesto intimidatorio finito male: gli attentatori -dicono i carabinieri- volevano distruggere. E gli effetti sono stati assolutamente devastanti con danni per oltre un milione e mezzo di euro, coperti comunque da assicurazione. Si attendono intanto gli esiti dei rilievi del Ris di Parma sul sangue repertato, i risultati dell'analisi dei conti bancari e dei rilievi riguardanti le cellule telefoniche della zona. Ospedali, ambulatori, farmacie sono controllate in queste ore dai carabinieri: è qui che i due piromani, feriti, si dovranno recare per medicare le gravi ferite riportate. Per ora le ricerche non hanno dato nessun esito.

“Credo sia una persona debole chi ha fatto questa cosa, il nostro ristorante andava bene, sarebbe entrato a breve nella guida Michelin e in quella Gourmet -commenta Leopoldo Vanzetto, titolare e chef del ristorante- ci sono anni di lavoro andati in fumo, non sappiamo cosa fare”.