Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Blitz ieri a San Vendemiano in via San Giuseppe

CANTIERI: GIRO DI VITE

Task force Questura, Inail, Spisal e Ulss8


SAN VENDEMIANO - Un giro di vite per monitorare i cantieri edili della Marca per verificare la presenza o meno di lavoratori in nero o clandestini, norme di sicurezza ed altre eventuali irregolarità a livello retributivo. Ad avviare questa task force è stata la Questura di Treviso, con squadra mobile ed ufficio immigrazione, ma anche Inail, Spisal, Ulss7 e polizia locale. Il primo cantiere visitato nella giornata di ieri si trova in via San Giuseppe a San Vendemiano: al lavoro venti operai, quasi tutti originari dalla ex Jugoslavia e di quattro ditte di Treviso, Padova, Venezia e Caserta. Le uniche irregolarità sono dovute al piano di sicurezza mentre ulteriori accertamenti saranno effettuati dall'Inail per quanto riguarda la regolamentazione del rapporto di lavoro. I controlli ora proseguiranno a tappeto: i cantieri sono in assoluto il luogo di lavoro con più alto numero di incidenti. Molti di questi accadono a operai irregolari o anche minori che spesso rinunciano alle cure per paura di ripercussioni. “Molti chiedono lo status di rifugiati -afferma il dirigente dell'ufficio immigrazione, Elena Peruffo- e nell'attesa vanno a lavorare, in nero, attraverso il passaparola. C'è poi anche un altro fenomeno preoccupante: molte ditte forniscono buste paga false per regolarizzare operai che poi di fatto non lavorano”.