Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tragedia sfiorata a Salgareda per un 29enne

PRECIPITA COL PARACADUTE

Schianto per una manovra errata in fase d'atterraggio


SALGAREDA – (gp) Commette un errore in fase di atterraggio e si schianta al suolo dopo un volo di decine di metri. E' salvo per miracolo il 29enne Federico Compagno, di Camponogara nel veneziano, che ieri pomeriggio ha rischiato la vita a Salgareda cadendo col paracadute. Ora si trova ricoverato in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso, ma fortunatamente se la caverà. Dopo una fase di addestramento svolta in mattinata, il ragazzo si era lanciato ancora verso le 13. Quando si trovava a una ventina di metri dal suolo ha effettuato una manovra di recupero errata: una sorta di inversione a U che ha triplicato la velocità di discesa e lo ha fatto schiantare a terra. Subito soccorso, dolorante ma cosciente, ha riportato diverse fratture agli arti inferiori e traumi interni, per sua fortuna non mortali.