Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ucciso a Milano da un ex ufficiale padovano

FREDDATO IL REGISTA CURRERI

Aveva girato a Treviso "Settanta", tra le polemiche


MILANO - Freddato con due colpi di pistola all'interno di un teatro di posa a Milano. E' stato ucciso così l'attore e regista Mauro Curreri: l'uomo di spettacolo aveva acquisito una certa notorietà anche nella Marca, per avervi girato un film "Settanta", omaggio al "Signore e signori"  di Piero Germi. La pellicola, nella quale aveva recitato una piccola parte anche il vicesindaco Giancarlo Gentilini, in verità, più che per le qualità artistiche, aveva fatto discutere soprattutto per le polemiche che ne erano seguite: attori, comparse, alberghi e ristoranti dove la troupe aveva soggiornato hanno lamentato mancati o solo parziali pagamenti. E proprio una vicenda simile sarebbe all'origine dell'omicidio: a uccidere Curreri, infatti, sarebbe stato il 53enne Mauro Pastorello, ex capitano dell'esercito in congedo, oggi agente di commercio, residente a Padova. L'uomo, fermato dalla polizia, secondo una prima ricostruzione, è entrato, vestito in divisa, nel teatro in via Watt, in zona Navigli, dove il regista avrebbe dovuto incontrare alcuni attori per il suo nuovo progetto su Francesco Baracca. Qui sarebbe scoppiato un litigio tra i due a causa di un compenso rivendicato dall'ex ufficiale, che aveva collaborato al primo film di Curreri, "Gli eroi di Produte": ad un certo punto il militare ha estratto un vecchia pistola del secondo dopoguerra ed ha fatto fuoco. Curreri era nato nel 1972 a Torino: dopo gli inizi come fotomodello, si era evoluto in attore e doppiatore, per poi dedicarsi alla regia. Il regista fu protagonista di una vibrante polemica con l'inviato di Striscia la Notizia, Moreno Morello.

Galleria fotograficaGalleria fotografica