Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condanna a un anno e tre mesi per il 25enne nigeriano Mojgay Osoaghe

PARCHEGGIATORE ABUSIVO E PUGILE

Arrestato all'ospedale di di Conegliano, aveva poi picchiato un agente


CONEGLIANO – (gp) Il fenomeno dei parcheggiatori abusivi sta assediando da tempo Conegliano, soprattutto nei pressi del nuovo polo chirurgico dell'ospedale. E la prima condanna nei confronti di uno di questi fantomatici parcheggiatori è arrivata, anche se per reati diversi da quelli dell'abusivismo. Alla sbarra per evasione, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e mancata osservanza del provvedimento di espulsione da territorio italiano, il 26enne nigeriano Mojgay Osoghae è stato condannato a un anno e tre mesi di reclusione, ottenendo la sospensione condizionale della pena. Era il 10 febbraio del 2010 quando l'uomo venne sorpreso dalla polizia locale mentre indirizzava i veicoli nel parcheggio dell'ospedale. I vigili, dopo un rapido controllo, scoprirono che su di lui pendeva un decreto di espulsione non rispettato visto che il nigeriano continuava a risiedere in Italia illegalmente. L'uomo venne caricato così in auto per essere portato in caserma. Una volta portato dentro però, approfittando di un attimo di distrazione degli agenti, tentò di evadere colpendo un vigile con un pugno all'addome e facendolo cadere a terra, lanciandosi poi dalla finestra per tentare un'improbabile fuga. Il nigeriano venne infatti preso un'altra volta pochi secondi più tardi.