Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il giovane frequenta un istituto della zona, la serra sotto sequestrata

SERRA DI MARIJUANA IN GARAGE

Studente coneglianese ai domiciliari dopo il blitz dei carabinieri


CONEGLIANO - (nc) In garage aveva allestito un serra per la coltivazione di marijuana con tanto di lampade, timer, impianto di irrigazione e ventilazione oltre ad un apposito essiccatoio. Ad ingegnarsi in questo modo uno studente 19enne di conegliano: il giovane che frequenta una scuola superiore della città è stato arrestato dai carabinieri per coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti ed ora è ai domiciliari. La madre operaia che vive con lui ha negato ai militari di conoscere quella strana passione per la coltivazione del figlio: una tesi difficile da sostenere visto il forte odore che la piantagione emanava. A mettere sulla pista giusta i carabinieri sono state le segnalazioni di alcuni genitori che avevano notato dei strani viavai dall'abitazione del ragazzo che non ha precedenti penali e neppure risulta tra gli assuntori. Semplicemente, ipotizzano gli investigatori, il ragazzo voleva rifornire altri studenti di droga in un periodo, quello autunnale, in cui calano i “rifornimenti” ed aumenta la domanda. La tentazione di fare soldi facilmente lo ha tradito e nel pomeriggio di mercoledì i militari lo hanno arrestato, sequestrando la sua serra casalinga.

Galleria fotograficaGalleria fotografica