Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il giovane frequenta un istituto della zona, la serra sotto sequestrata

SERRA DI MARIJUANA IN GARAGE

Studente coneglianese ai domiciliari dopo il blitz dei carabinieri


CONEGLIANO - (nc) In garage aveva allestito un serra per la coltivazione di marijuana con tanto di lampade, timer, impianto di irrigazione e ventilazione oltre ad un apposito essiccatoio. Ad ingegnarsi in questo modo uno studente 19enne di conegliano: il giovane che frequenta una scuola superiore della città è stato arrestato dai carabinieri per coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti ed ora è ai domiciliari. La madre operaia che vive con lui ha negato ai militari di conoscere quella strana passione per la coltivazione del figlio: una tesi difficile da sostenere visto il forte odore che la piantagione emanava. A mettere sulla pista giusta i carabinieri sono state le segnalazioni di alcuni genitori che avevano notato dei strani viavai dall'abitazione del ragazzo che non ha precedenti penali e neppure risulta tra gli assuntori. Semplicemente, ipotizzano gli investigatori, il ragazzo voleva rifornire altri studenti di droga in un periodo, quello autunnale, in cui calano i “rifornimenti” ed aumenta la domanda. La tentazione di fare soldi facilmente lo ha tradito e nel pomeriggio di mercoledì i militari lo hanno arrestato, sequestrando la sua serra casalinga.

Galleria fotograficaGalleria fotografica