Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zoluaga poteva essere fermato a Noventa: ora è in Spagna

IL "MOSTRO" DAI CARABINIERI DOPO LO STUPRO

Non diffuso in tempo l'identikit: perse il portafoglio dopo la violenza


NOVENTA DI PIAVE - Clamoroso retroscena nel caso dello stupro di via Dandolo. L'autore della violenza, il 26enne Julio Cesar Aguirre Zoluaga, aveva abbandonato nella fuga il portafoglio e nel pomeriggio, a nove ore dalla violenza, si era recato lunedì scorso alla stazione dei carabinieri di Noventa di Piave, in via Guaiane, per denunciarne lo smarrimento. Si trovava nel veneziano per raggiungere una ragazza con cui aveva una relazione. Al momento della denuncia non erano state ancora diffuse le generalità dello stupratore, già però in mano della polizia. Un semplice difetto di comunicazione che non ha permesso di bloccare subito il “mostro”: di fatto i militari non potevano sapere che l'uomo che avevano davanti altri non era che il pericoloso violentatore. Presentata la denuncia, il criminale è tranquillamente uscito dalla caserma e poco dopo ha lasciato l'Italia: ora si troverebbe in Spagna, braccato dalle forze dell'ordine. Intanto emergono altri particolari inquietanti. Pochi giorni prima dell'aggressione alla stazione ferroviaria, il giovane avrebbe tentato l'approccio con una minorenne nei pressi del Mc Donald's di Ponte San Martino, a Treviso. La giovane l'ha riconosciuto dalle foto pubblicate sui giornali. La avrebbe avvicinata offrendole qualcosa da mangiare. Lei, fortunatamente, si è allontanata. Scoprendo solo alcuni giorni dopo il pericolo corso.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
29/10/2011 - Caccia al "mostro" e ai complici
28/10/2011 - Si tratta di un maniaco seriale
28/10/2011 - Notte in disco, poi lo stupro
28/10/2011 - Ecco il "mostro" della stazione
27/10/2011 - Il "mostro" in fuga: braccato
27/10/2011 - "Mostro", e' psicosi in citta'
26/10/2011 - Stupro: Ca' Sugana parte civile
26/10/2011 - Le prime immagini del "Mostro"
25/10/2011 - "Fatto di una gravita' inaudita"
25/10/2011 - "Dobbiamo prendere il mostro"
24/10/2011 - Piu' fondi per la sicurezza
24/10/2011 - Genty: "Castrare lo stupratore"
24/10/2011 - Ragazza violentata in stazione