Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"El Loco" ha revocato la disponibilitÓ a consegnarsi alle autoritÓ italiane

ZULUAGA PRENDE TEMPO E SI OPPONE ALL'ESTRADIZIONE

Il fascicolo sul colombiano in viaggio verso la Corte d'Appello di Parigi


PARIGI – (gp) “El Loco” prende tempo e si rifiuta di tornare in Italia. Comparso davanti al giudice della Corte d'Appello di Parigi per l'interrogatorio di convalida, il 26enne colombiano Julio Cesar Zuluaga Aguirre, arrestato il 3 novembre scorso nella capitale francese in base al mandato di cattura internazionale emesso nei confronti del “mostro” della stazione di Treviso, ha formalmente revocato l'iniziale disponibilità a consegnarsi alle autorità italiane. In altre parole il presunto stupratore si è opposto all'estradizione. Un gesto inatteso e che non avrà conseguenze: Zuluaga tornerà in Italia ma i tempi per il suo rientro si allungano. La Corte d'Appello parigina ha infatti rinviato l'udienza di convalida al prossimo 30 novembre in virtù delle richieste dell'indagato, disponendo inoltre che la Procura invii a Parigi tutte le prove a carico dell'uomo. Il fascicolo è già in viaggio verso la Francia dove verrà preso in consegna dai colleghi transalpini i quali, carte in mano, daranno il via alle procedure di estradizione al termine della prossima udienza su disposizione del giudice. Clamorosi colpi di scena non sono possibili, visti gli accordi internazionali sanciti tra i due paesi, ma ci vorrà almeno un altro mese prima che Zuluaga torni a Treviso per rispondere del brutale stupro che gli viene contestato.