Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

A Palazzo Sarcinelli di Conegliano fino al 15 aprile 2012

BELLOTTO, IL CANALETTO DELLE CORTI EUROPEE

Il percorso di uno dei maggiori esponenti del vedutismo veneziano


CONEGLIANO - (ag) Il vedutismo veneziano del '700 attraverso uno dei suoi massimi esponenti. E' dedicata a Bernardo Bellotto (Venezia 1722-Varsavia 1880) la nuova mostra di Palazzo Sarcinelli di Conegliano che, con 70 opere tra dipinti e acqueforti, ripercorre l'avventura artistica del “Canaletto delle Corti europee”. Bernardo Bellotto era infatti nipote di Giovanni Antonio Canal, meglio conosciuto, in Italia, come Canaletto. Dimostrando una precoce disposizione alla pittura, Bellotto compie il suo apprendistato nella bottega veneziana dello zio, da cui apprende l'insegnamento e ne assimila i segreti, tanto da rendere il suo tratto non distinguibile da quello del Canaletto stesso. Le opere giovanili, ispirate alla città di Venezia e al modello canalettiano, rappresenteranno la prima tappa dell'esposizione. Allontanato dalla bottega, il giovane Bellotto inizia a viaggiare in Italia e all'estero, dove gli viene presto attribuito il soprannome dello zio. Una firma che Bellotto fa sua, ma che causa non pochi fraintendimenti con l'opera del Canaletto, in quel periodo impegnato a Londra a dimostrare ai suoi committenti di essere l'originale.

Il percorso del Bellotto “maturo” inizia con le tele dedicate alle città italiane a cui seguono i lavori presso le corti europee: il periodo di Dresda 1747-1758) con 3 tele di grandi dimensioni raffiguranti la borgata di Pirna; il soggiorno viennese con “Palazzo in villa” (1760) dove, seguendo il canone teatrale barocco, Bellotto sceglie di porre in primo piano le figure, lasciando i giardini in tutta la loro profondità e, sullo sfondo, il belvedere e il palazzo. Un percorso che culmina col soggiorno polacco (1767-1780) dove Bellotto fu ospite presso la corte del re Stanislao Augusto. Le vedute su Varsavia manifestano una straordinaria fedeltà ai dettagli architettonici e ai tratti di vita quotidiana rappresentati nelle sue opere. Un realismo che trova riscontro documentaristico all'indomani della seconda guerra mondiale, quando, impegnati nella ricostruzione di Varsavia, gli architetti pensarono anche alle tele di Bellotto per ricomporre il tessuto urbano della città.

Accanto ai dipinti, la mostra dedica un'inedita sezione all'attività incisoria dell'artista: 37 acqueforti restituiscono splendide pagine di vita popolare ambientate nelle città di Dresda e Varsavia.

A presentarci la mostra “Bernardo Bellotto. Il canaletto delle corti europee” è, ai nostri microfoni, il curatore Dario Succi.

La mostra è visitabile fino a domenica 15 aprile 2012, tutti i giorni della settimana.