Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'allarme del Centro cooperativo, consorzio della Confartigianato

LUNGAGGINI DELLE BANCHE, 300 DITTE E MILLE ADDETTI A RISCHIO

Più di tre mesi per un finanziamento, nonostante le garanzie dei confidi


TREVISO - (mz) Oltre trecento aziende artigiane, per quasi mille addetti, rischiano di collassare a breve a causa delle lungaggini delle banche nel concedere prestiti e fidi. Finanziamenti, beninteso, già approvati e garantiti dal consorzio fidi. Il Centro cooperativo, confidi della Confartigianato della Marca, la principale struttura del genere in provincia, ha “fermi” affidamenti per 30 milioni di euro in attesa delle risposta definitiva da parte degli istituti di credito: più di un terzo attende ormai da oltre tre mesi. Poiché in prevalenza si tratta di prestiti per far fronte alle esigenze di liquidità a breve termine, ad esempio il pagamento degli stipendi, spiegano i responsabili del confidi, i tempi lunghi possono determinare il tracollo delle piccole imprese. Nei primi nove mesi dell'anno, il Centro cooperativo ha deliberato finanziamenti per 123 milioni e 729 mila euro, 14 milioni e mezzo in meno del medesimo periodo del 2010 proprio a causa della stretta creditizia. In calo pure i fidi, ovvero i prestiti a breve termine, scesi del 17% a poco più di 74 milioni e mezzo totali.

Ai nostri microfoni, il commento di Renzo Sartori, presidente del Centro cooperativo.