Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'allarme del Centro cooperativo, consorzio della Confartigianato

LUNGAGGINI DELLE BANCHE, 300 DITTE E MILLE ADDETTI A RISCHIO

Più di tre mesi per un finanziamento, nonostante le garanzie dei confidi


TREVISO - (mz) Oltre trecento aziende artigiane, per quasi mille addetti, rischiano di collassare a breve a causa delle lungaggini delle banche nel concedere prestiti e fidi. Finanziamenti, beninteso, già approvati e garantiti dal consorzio fidi. Il Centro cooperativo, confidi della Confartigianato della Marca, la principale struttura del genere in provincia, ha “fermi” affidamenti per 30 milioni di euro in attesa delle risposta definitiva da parte degli istituti di credito: più di un terzo attende ormai da oltre tre mesi. Poiché in prevalenza si tratta di prestiti per far fronte alle esigenze di liquidità a breve termine, ad esempio il pagamento degli stipendi, spiegano i responsabili del confidi, i tempi lunghi possono determinare il tracollo delle piccole imprese. Nei primi nove mesi dell'anno, il Centro cooperativo ha deliberato finanziamenti per 123 milioni e 729 mila euro, 14 milioni e mezzo in meno del medesimo periodo del 2010 proprio a causa della stretta creditizia. In calo pure i fidi, ovvero i prestiti a breve termine, scesi del 17% a poco più di 74 milioni e mezzo totali.

Ai nostri microfoni, il commento di Renzo Sartori, presidente del Centro cooperativo.