Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Banditi in azione, bottino di oltre 6mila euro in monetine

COLLOQUIO DI LAVORO CON RAPINA ALLA "MARCA GIOCHI" DI PADERNELLO

In quattro, armati e travisati aggrediscono il titolare ed un giovane


PAESE - (nc) I malviventi sono entrati in azione mentre il titolare della “Marca giochi” di via Trentino a Padernello stava facendo un colloquio di lavoro con un ragazzo ed era al telefono. Questo uno dei retroscena della rapina messa a segno martedì sera presso la sede della ditta specializzata del noleggio di slot machine e videopoker. Il blitz dei banditi è scattato poco dopo le 19. Tre malviventi, armati di pistola e travisati da passamontagna hanno fatto irruzione nell'ufficio mentre un quarto era all'esterno e faceva da palo. Il titolare, il 39enne Maurizio Cavallin, era al telefono con un cliente: il trambusto, la chiamata che si interrompe bruscamente, insospettisce l'interlocutore dell'uomo che avverte i carabinieri. I militari arrivano immediatamente sul posto ma la banda si è già dileguata. In quella manciata di minuti dalla fine della telefonata e l'arrivo delle forze dell'ordine il commando ordina al titolare e al ragazzo che si trovava con lui di stendersi a terra; verranno poi privati del cellulare e rinchiusi in uno sgabuzzino. Alcuni dei testimoni avrebbero notato una Alfa Romeo allontanarsi a tutta velocità dalla zona industriale. Il bottino, alcuni sacchi di monete, ammonterebbe a circa 6mila euro. “Un colpo studiato” dicono i carabinieri che indagano sul colpo: probabilmente i movimenti del 39enne erano già seguiti da tempo.