Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 29enne di Spresiano è indagato per violenza sessuale su una disabile psichica

NESSUNO STUPRO: LA VITTIMA SCAGIONA SALAH EL HASNAOUI

La donna nega: i carabinieri rischiano una querela per falso ideologico


TREVISO – (gp) I dubbi c'erano al momento dell'arresto, c'erano nel corso dell'udienza di convalida e ora, dopo l'incidente probatorio per ascoltare il racconto della vittima, non ci sono più. Il 6 ottobre scorso era stato il gip Elena Rossi ad aver considerato il fatto che la denuncia per violenza sessuale presentata da una disabile psichica 40enne contro Salah El Hasnaoui, 29enne magrebino di Spresiano, potesse non essere così attendibile e soprattutto, cosa che fa più pensare, spontanea. “Quando ho parlato con gli agenti non volevo sporgere denuncia perchè non era successo niente. Ma loro mi hanno fatto firmare delle carte che non sapevo cosa fossero” avrebbe dichiarato la presunta vittima, la quale non parla assolutamente di violenza ma di un semplice incontro a sfondo sessuale sul divano del giovane marocchino. Difeso dall'avvocato Alessandra Nava, Salah El Hasnaoui aveva parlato a ruota libera di fronte al giudice a ottobre sottolineando la propria innocenza ed estraneità ai fatti. Un racconto che gli era valso, anche in mancanza di prove certe, l'immediata scarcerazione dopo due giorni passati in cella. Il gip non aveva inoltre ritenuto necessario nemmeno disporre gli arresti domiciliari ma soltanto l'obbligo di dimora a Pietra Ligure, città dove il ragazzo abita da qualche mese con la sua fidanzata. Misura tra l'altro revocata proprio al termine dell'incidente probatorio per mettere agli atti la versione della vittima, che in realtà vittima non è. Ora, dopo che la disabile psichica ha negato di aver subito violenza, l'avvocato Nava sta valutando assieme al suo assistito se ci siano o meno i presupposti e la volontà di presentare una querela per falso ideologico a carico dei carabinieri che avrebbero messo a verbale dichiarazioni e fatti mai avvenuti. Dopo una condanna ingiusta in primo grado sempre per stupro, a cui seguì l'assoluzione in appello, anche stavolta sembra proprio che il giovane non c'entri nulla e che sia stato tirato in mezzo a una faccenda che non lo riguarda: Salah infatti pare più essere vittima di un accanimento nei suoi confronti che l'autore di un abuso sessuale.