Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mobilitazione di vigili del fuoco, polfer e carabinieri

"C'E' UNA FRANA", ALLARME IN FADALTO: E' L'IMPIANTO EOLICO

Residente terrorizzato dai boati, era un impianto della Sail Energy


VITTORIO V.TO - “C'è una frana”: l'allerta è scattata verso le 23 di giovedì sera da un residente del Fadalto che sentiva dei rumori sospetti, riconducibili al fragore di una caduta di massi. L'allarme è stato fortunatamente rientrato in breve dopo la mobilitazione generale di vigili del fuoco, polfer e carabinieri accorsi nel vittoriese per la presunta frana che però fortunatamente non c'era. Il giallo è stato risolto qualche ora dopo. A provocare i boati era stato un impianto eolico installato in via Var Calde e di proprietà di un'azienda sacilese, la Sail Energy. L'impianto, sperimentale ed autorizzato dal Comune di Vittorio Veneto, è composto da un'impalcatura di circa 6 metri a cui sono appoggiate delle vele che muovendosi mettono in moto un sistema di pulegge per la generazione di corrente. A causa del vento forte il movimento dei teli, molto veloce, aveva provocato un rumore fortissimo, simile appunto al fragore provocato dalla caduta di una frana.