Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il crac Setten aveva lasciato in eredità il sequestro di beni dello stadio

TREVISO, 30.000 EURO EVITANO IL PIGNORAMENTO DEL TENNI

Il presidente Corvezzo annuncia: "La squadra sarà rafforzata"


TREVISO - L'F.C. Treviso ha rischiato seriamente di non giocare al Tenni la prossima gara interna con il Cuneo: molti oggetti dello stadio (seggiolini, impianto audio-video, macchinari) stavano infatti per essere pignorati dal curatore fallimentare che si occupa del crac-Setten. Il pagamento, avvenuto mercoledì scorso, di 30 mila euro (a fronte di un valore effettivo di 90 mila), sborsati dalla società e da uno dei suoi soci, la ditta di costruzioni Bordignon di Venegazzù, ha scongiurato il pericolo. Si è inoltre appreso che il comune fa pagare al Treviso 90.000 euro (più Iva) di affitto dello stadio per una singola stagione, somma che raddoppia se si tiene conto dei costi di manutenzione, tutti a carico del club. Questo nel merito il pensiero del presidente biancoceleste Renzo Corvezzo. "Sapevamo che la situazione fosse critica: d’ora in poi non dovremo più chiederci dove giocare la domenica, diciamo che con questo abbiamo sistemato il 99% della faccenda: ringrazio perciò i fratelli Bordignon se oggi possiamo dire che il futuro dello stadio è in buone mani. E un caso come quello dei tornelli andati a finire a Udine non si verificherà più. In quanto all'affitto l’affitto è davvero esorbitante: calcolato credo ancora su parametri da serie A: in C2 si pagano mediamente 20-25 mila euro, spesso rimborsati, a Mantova addirittura nulla: invito il Comune a verificare di persona. A Treviso invece il balzello è pesante, al punto che ci ha impedito di rafforzare la rosa della squadra come avremmo voluto. Il primo gennaio firmeremo con il comune un contratto triennale di affitto, si spera a parametri più economici." Il presidente ha anche confermato che un recente controllo gestionale della Lega Calcio ha accertato che il bilancio societario è a posto. In quanto alla squadra, Corvezzo ha promesso che se alla fine del girone di andata il Treviso sarà ancora tra i primi 2-3 posti, la società interverrà sul mercato per rafforzare la rosa biancoceleste.