Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Situazione grottesca e incompatibile", aut aut del Questore al sindaco

POLIGONO DI SAN ZENONE RIAPERTO DAL PADRE DI DENIS PELLIZZARI, ╚ POLEMICA

Armi e munizioni non registrare: il 34enne finý in carcere a febbraio


TREVISO - Lo scorso 12 febbraio, Denis Pellizzari, 34enne titolare dell'armeria e del poligono di tiro “Sportgun” di San Zenone degli Ezzelini venne arrestato dalla squadra mobile di Treviso. La polizia durante una perquisizione aveva rinvenuto fucili, pistole, carabine, oltre 200 armi di ogni tipo e oltre 13mila munizioni oltre a 20 kg di polvere da sparo: materiale tutto non registrato e di cui era sconosciuta sia la provenienza che la destinazione su cui ora la Polizia dovrà indagare. A distanza di quasi otto mesi il poligono di tiro, dissequestrato nel mese di giugno dalla Procura, ha riaperto i battenti: a figurare come proprietario è il padre dell'arrestato, Francesco Pellizzari che ha ottenuto un'apposita licenza dal Comune di San Zenone. Contro questo provvedimento che autorizza la prosecuzione dell'attività si è scagliata ora la Questura: sarebbe incompatibile il divieto prefettizio di detenere armi emesso nei confronti di Denis Pellizzari con la licenza concessa al padre che peraltro convive con lui. La sezione amministrativa della Questura di Treviso ha eseguito un controllo sabato scorso alla “Sportgun”: presenti all'interno del poligono sia Francesco che Denis Pellizzari. Il Questore Carmine Damiano ha già invitato il sindaco di San Zenone, Luigi Mazzaro, a sbloccare una situazione definita “grottesca” e che potrebbe portare anche la Procura ad aprire un fascicolo nei confronti del primo cittadino. Denis Pellizzari, giova ricordarlo, fu assessore alla sicurezza del Comune di San Zenone proprio dell'attuale sindaco.

Galleria fotograficaGalleria fotografica