Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiesta una convocazione del membro del cda nominato da Ca' Sugana

"IL RAPPRESENTANTE DEL COMUNE IN FONDAZIONE FERMI LE VENDITE"

La proposta del consigliere comunale Nicola Atalmi


TREVISO – (mz) Il Comune dia mandato al suo “uomo” nel consiglio di indirizzo e programmazione di Fondazione Cassamarca per porre freni alla vendita grandi immobili cittadini. E’ la richiesta lanciata dal consigliere comunale Nicola Atalmi. Nell’assemblea di Palazzo dei Trecento, l’esponente della Sinistra trevigiana ha sottolineato come Ca’ Spineda abbia annunciato di voler mettere sul mercato i terreni e gli immobili di sua proprietà, conferendoli in un apposito fondo immobiliare, per recuperare così risorse. Ma molti di quegli edifici, ha ricordato Atalmi, sono derivati a Fondazione, tramite il “Risiko”, dal Comune e da altri enti pubblici: questi sono stati ceduti sulla base di precisi progetti per la loro futura destinazione. Ad esempio, la creazione di un albergo di lusso nell’ex Tribunale o nuovi spazi per l’università all’ex Distretto. Progetti ora messi in forse dalla possibile vendita. Per questo Atalmi chiede che il rappresentante del Comune nel consiglio di Fondazione venga convocato nella commissione consiliare competente per riferire sulle modalità di inserimento nel fondo e sul destino dei progetti. Non solo, il Comune dovrà dare indicazioni sulla posizione da tenere e sui vincoli da porre, in particolare in merito ad alcuni immobili come i teatri, la chiesa di Santa Croce, il palazzo dell’Umanesimo Latino.