Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Ho segnalato l'accaduto al Prefetto e al tribunale"

SIT-IN VIETATO A MOGLIANO, AZZOLINI DENUNCIA I DIPENDENTI MOSE

Una dozzina hanno manifestato in piazza Caduti


MOGLIANO - Questa mattina qualche dozzina di dipendenti Mose, in deroga ad ogni corretta regola e contro le stesse previsioni dal contratto nazionale di categoria, che norma le modalità dello sciopero, si sono assentati dal posto di lavoro e hanno organizzato un anomalo sit-in, in piazza Caduti. Sull'argomento è intervenuto il sindaco Azzolini: "I dipendenti, che hanno organizzato, senza preavviso, questa manifestazione di piazza, hanno compiuto un errore, incorrendo addirittura nel grave reato di cui all'art. 340 codice penale. Ho segnalato l'accaduto al Prefetto e al tribunale di Treviso". Il sit in è stato organizzato solamente da una componente sindacale, mentre il sindaco ha rivolto a tutti i sindacati e ai lavoratori un appello al dialogo: "Bisogna abbassare i toni, rispettare le regole e capire la gravità dei fatti. Sono personalmente disposto a promuovere momenti di incontro, nelle opportune sedi, con la convinzione, che la tutela dei posti di lavoro passa per un dialogo con l'Amministrazione Comunale e non per lo scontro contro l'Amministrazione Comunale. Certo che è rammaricante, osservare come i dipendenti della Mose, hanno deciso, con insulti ed offese, di partecipare al consiglio comunale di ieri sera. Offese che mi hanno personalmente colpito. Se avessimo voluto pensare, come sostiene una parte di loro, solamente al nostro tornaconto elettorale, avremmo messo in liquidazione la società, perdendo tutti i posti di lavoro, ma incassando qualche milione di euro, che avremmo usato per abbassare incredibilmente il costo dei buoni pasto fino ad un prezzo sociale di 2 euro. Avremmo così qualche decina di lavoratori senza posto, ma migliaia di cittadini contenti. Noi, non siamo dei cinici, agiamo cercando di tutelare i posti di lavoro e soddisfare le richieste delle famiglie, trovando una giusta mediazione. Certo è, che, se questo clima continua, la mia voglia di trovare una mediazione rischia di andare in fumo.". Il sindaco ha poi ringraziato gli amministratori locali che hanno sostituito sul posto di lavoro i dipendenti assenti:"Devo invece ringraziare di cuore, gli assessori Severoni e Copparoni, il consigliere Eros Rossi e i dipendenti del comune, che si sono sostituiti in cucina, sui furgoni e nelle scuole, per un giorno ai dipendenti Mose. Grazie, a loro, i nostri giovani alunni, hanno potuto consumare il loro pasto senza alcun disservizio. Ad un gesto scellerato è invece corrisposto un gesto solidale, di una classe di amministratori locali, che evita le polemiche e si alza le maniche per lavorare sempre nell'interesse dei più deboli."