Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Nei guai il medico Giancarlo Pillon ed un commerciante d'auto

"FURBETTI DELL'EVASIONE" STANGATI DALLE FIAMME GIALLE

Applicata per la prima volta la "confisca per equivalente"


TREVISO - Finiti nel mirino della Guardia di Finanza hanno cercato di far sparire i beni che erano destinati a ripianare i debiti con l'Erario. Applicata dalla Guardia di Finanza per la prima volta, nei confronti di un chirurgo trevigiano e di un imprenditore coneglianese, la “confisca per equivalente”. A finire nei guai un medico: lo scorso mese di marzo era finito nei guai per un'evasione pari a 1,3 milioni di euro con ben 450mila euro di Iva evasa. Per fuggire al Fisco il chirurgo, Giancarlo Pillon, aveva tentato di salvare i suoi averi intestando due appartamenti di lusso alla moglie e ad un "trust", un'apposita società creata ad arte per proteggere l'immobile. La sua auto, una Mercedes, era invece stata intestata alla nonna del chirurgo. La “furbata” è costata cara al medico con immobili e mezzo che sono stati confiscati. Stessa sorte anche per un commerciante d'auto a cui le fiamme gialle hanno messo sotto sequestro a due terreni e altrettante fuoriserie. L'uomo, dal 2005 al 2009, avrebbe gestito la compravendita di almeno 124 auto di lusso: attraverso una società di comodo l'uomo è riuscito ad evadere circa 1,2 milioni di euro. A finire nei guai anche le concessionarie del coneglianese che si rifornivano di mezzi dall'uomo: tutti saranno costretti al pagamento in solido dell'Iva evasa. L'imprenditore deve rispondere anche di riciclaggio.

Galleria fotograficaGalleria fotografica