Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Non sono convinti gli esponenti del comitato anti ampliamemto

MARCHI: "CRESCEREMO NEL RISPETTO DELLE REGOLE"

Il presidente di Save in Provincia per il piano di sviluppo del Canova


TREVISO - (mz) L'aeroporto è perfettamente in regola con tutte le normative ed il numero dei voli crescerà in parallelo agli adeguamenti alle infrastrutture necessari per rientrare nei limiti di legge. Il presidente Enrico Marchi, l'amministratore delegato Paolo Simioni e gli altri vertici di Save, la società che controlla il Marco Polo di Venezia e il Canova di Treviso, hanno presentato ieri in Provincia il piano di sviluppo fino al 2030 dello scalo della Marca. Davanti a loro i consiglieri delle commissioni Trasporti e Ambiente, con i rispettivi assessori di reparto Michele Noal e Alberto Villanova. Ma anche, tra il pubblico, un centinaio di residenti di Sant'Angelo, Canizzano e di Quinto ed esponenti del comitato contro l'ampliamento dell'aeroporto. Uno spiegamento di forze dell'ordine all'ingresso vigilava sulla tranquillità della seduta: non si è andati oltre qualche rumoreggiamento, risata sarcastica e qualche urlo "bugie" durante l'esposizione dei manager di Save. Dati, peraltro, già presentati in occasione del rinnovo della concessione quarantennale: il Canova punta a  superare i 4,3 milioni di passeggeri entro il 2030 e, allo scopo, verranno investiti 131 milioni di euro per ampliare il terminal passeggeri, i parcheggi, la viabilità, le aree di parcheggio e manovra degli aerei. Nove milioni, fino al 2015, serviranno per ridurre il peso dell'infrastruttura sull'ambiente. Il primo passo sarà il completamento dello Studio di impatto ambientale da presentare ad Enac e, poi, al ministero, propedeutico, a sua volta, all'ottenimento della Via. Ai nostri microfoni, il presidente di Save Enrico Marchi.