Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra il 25enne Sabri Labidi e la 22enne Maria Luisa Cappellari

EX COMPAGNI E PUSHER RINVIATI A GIUDIZIO PER SPACCIO

A incastrarli la denuncia di una madre per il figlio tossicodipendente


MONTEBELLUNA – (gp) A mettere i carabinieri sulle sue tracce era stata la denuncia di una madre disperata perchè suo figlio si faceva di eroina. Ora, a sette mesi di distanza dall'arresto (era il 14 maggio scorso) il tunisino 25enne Sabri Labidi di Montebelluna e la sua ex compagna 22enne Maria Luisa Cappellari di Vittorio Veneto sono stati rinviati a giudizio dal gup Elena Rossi per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I due si dovranno presentare davanti al giudice il prossimo 7 marzo. Stando alle ricostruzioni degli investigatori Labidi, con diversi precedenti penali alle spalle, gestiva il traffico di eroina direttamente dalla sua abitazione di Biadene mentre la ragazza, al momento dell'arresto al settimo mese di gravidanza, si occupava di consegnare le dosi agli acquirenti. In seguito a una serie di pedinamenti e segnalazioni di clienti, i militari di Volpago del Montello e Montebelluna erano andati a colpo sicuro. Nell'abitazione del tunisino i carabinieri avevano infatti trovato 8 grammi di eorina, un paio di grammi di marijuana, 900 euro in contanti e quattro cellulari per tenere i contatti con i tossicodipendenti della zona. Successive indagini hanno permesso di contestare ai due ex compagni decine di cessioni.