Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Antonino Foti se l'è cavata con una condanna a 20 mesi, pena sospesa

MITRAGLIETTA IN CASA, PATTEGGIA E TORNA UN UOMO LIBERO

Il 46enne non c'entra con la finta rapina a un blindato a Vicenza


RONCADE – (gp) Antonino Foti, il 46enne calabrese residente a Roncade finito in manette per detenzione di armi da guerra, ha patteggiato un anno e otto mesi di reclusione ottenendo la sospensione condizionale della pena. Dopo essere stato messo gli arresti domiciliari dal Tribunale del Riesame di Venezia grazie al ricorso presentato dal suo legale, l'avvocato Mauro Serpico, Foti è risultato essere completamente estraneo all'inchiesta in merito alla finta rapina al furgone portavalori della ditta “Costantini”, inscenata il 20 luglio a Torri di Quartesolo, e che aveva portato al fermo di tre persone (Alessandro Duse, 50enne di Marcon, Rienzi Fracasso, 62enne di Mogliano Veneto, e Mirco Stocco, 26enne di Campagna Lupia) e alla denuncia a piede libero per peculato per la guardia giurata Alessandro Santoro. Foti aveva ammesso di aver incontrato Fracasso una sola volta, a Fusina, tramite due uomini ai quali il roncadese aveva chiesto un prestito per mandare avanti il bar che gestisce a Mestre, ma aveva anche negato qualsiasi suo coinvolgimento nel finto assalto al blindato. Una versione verificata dagli inquirenti e che ha permesso all'uomo di finire davanti a un giudice soltanto per il possesso della mitraglietta Skorpion trovata nella sua abitazione di Roncade. Foti aveva subito ammesso la proprietà dell'arma e aveva raccontato agli agenti della Squadra Mobile, oltre che al giudice, di averla trovata all'interno di una siepe quando stava eseguendo dei lavori di restauro nella sua precedente attività l'anno scorso, sempre un bar ma a Quarto d'Altino.