Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il bilancio 2011 si chiuderà con 17 milioni di fatturato

LA HOME DI CISON DI VALMARINO CRESCE

L'azienda specializzata in cucine punta su Francia, Russia e Africa


TREVISO - La Home, azienda di Cison di Valmarino, specializzata in cucine componibili di media fascia, cresce in Francia. L'impresa guidata da Agostino Mirsayev nel 2001 aumenta del 58% il suo volume di affari nel paese transalpino, che oggi rappresenta oltre un terzo dei ricavi esteri della ditta. Positivi, sia pure su cifre assolute inferiori, anche i risultati da Svizzera e Russia. L'estero si conferma ancora di salvezza per le imprese trevigiane: da oltre confine ormai proviene il 40% del fatturato: solo quattro anni fa non superava il 18%. L'azienda, 47 dipendenti conta di chiudere il 2011 con un giro d'affari totale da 17 milioni di euro, in sostanziale tenuta, rispetto ad un mercato che perde il 14% complessivo. L'obiettivo è garantire la metà del fatturato da parte dei clienti stranieri: si punta soprattutto sulla Spagna, ma anche su destinazioni più lontane, come ad esempio il Medio Oriente o l'Angola dove l'impresa trevigiana ha acquisito un paio di importanti commesse nel contract, ovvero l'allestimento di grandi strutture.