Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal 4 gennaio lo scalo trevigiano riabbraccia i soldati dopo la pausa per i lavori

L'ESERCITO TORNA A VIGILARE SULLA SICUREZZA DEL CANOVA

Il questore Carmine Damiano ha firmato il protocollo d'intesa


TREVISO – (gp) Dopo un periodo di stallo dovuto ai lavori di messa in sicurezza delle piste, torna l'esercito all'aeroporto Canova. E' stato infatti siglato in questura il protocollo d'intesa che prevede il presidio di tre militari 24 ore su 24 lungo tutto il perimetro esterno dello scalo trevigiano, con compiti di controllo per i soldati in merito anche all'interno per eventuali situazioni di pericolo come la presenza di bagagli sospetti o di pacchi bomba, ai quali si aggiunge la possibilità di effettuare perquisizioni personali o nei veicoli. L'aeroporto Canova riprende dunque la sua connotazione di “obiettivo sensibile”, come richiesto dal Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica di Treviso e concesso dal Ministero della Difesa. Dalla mezzanotte del 4 gennaio prossimo l'esercito tornerà a vigilare sull'aeroporto, coordinato dalla Questura di Treviso e in appoggio alle altre forze dell'ordine che ne hanno garantito la sicurezza fino a questo momento. Ai nostri microfoni il commento del questore di Treviso Carmine Damiano.