Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal 4 gennaio lo scalo trevigiano riabbraccia i soldati dopo la pausa per i lavori

L'ESERCITO TORNA A VIGILARE SULLA SICUREZZA DEL CANOVA

Il questore Carmine Damiano ha firmato il protocollo d'intesa


TREVISO – (gp) Dopo un periodo di stallo dovuto ai lavori di messa in sicurezza delle piste, torna l'esercito all'aeroporto Canova. E' stato infatti siglato in questura il protocollo d'intesa che prevede il presidio di tre militari 24 ore su 24 lungo tutto il perimetro esterno dello scalo trevigiano, con compiti di controllo per i soldati in merito anche all'interno per eventuali situazioni di pericolo come la presenza di bagagli sospetti o di pacchi bomba, ai quali si aggiunge la possibilità di effettuare perquisizioni personali o nei veicoli. L'aeroporto Canova riprende dunque la sua connotazione di “obiettivo sensibile”, come richiesto dal Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica di Treviso e concesso dal Ministero della Difesa. Dalla mezzanotte del 4 gennaio prossimo l'esercito tornerà a vigilare sull'aeroporto, coordinato dalla Questura di Treviso e in appoggio alle altre forze dell'ordine che ne hanno garantito la sicurezza fino a questo momento. Ai nostri microfoni il commento del questore di Treviso Carmine Damiano.