Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Denunciati il possessore della vettura e il titolare di un autonoleggio

VENDITA D'AUTO CON RAGGIRO: IN DUE FINISCONO NEI GUAI

A far scattare le indagini un serbo residente a San stino di Livenza


CORNUDA – (gp) Dall'opportunità di fare un affare comprando a 5 mila euro un'Opel Astra alla necessità di denunciare il venditore per riavere, se possibile, i mille euro che aveva dato come caparra ancora ad agosto. E da quella denuncia, sporta da un cittadino serbo residente a San Stino di Livenza, i carabinieri di Cornuda non solo sono riusciti a risalire al truffatore, un 38enne trevigiano residente a Maser con precedenti per truffa e appropriazione indebita, ma anche a denunciare per simulazione di reato e truffa ai danni di un'assicurazione un altro trevigiano di 63anni, titolare di un autonoleggio. I fatti risalgono appunto allo scorso agosto. Il serbo aveva preso contatti per comprare un'auto versando 1000 euro come caparra. Poi il nulla: il telefono del venditore risultava inesistente e il suo nome fasullo. Dopo 4 mesi ha deciso di informare le forze dell'ordine le quali hanno presto scoperto chi aveva messo in piedi la truffa. Nel corso delle indagini i militari, partendo dal numero di targa dell'Opel Astra, hanno scoperto che risultava rubata. In realtà era stato il titolare dell'autonoleggio di Jesolo a denunciarne il furto per incassare i soldi dell'assicurazione, circa 7 mila euro, invece di intentare una causa contro colui che non l'aveva più riconsegnata. Per entrambi è scattata la denuncia a piede libero, anche se per reati diversi.