Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Convegno Cgil sul futuro del settore in Veneto

MEDICI: ORGANICI A RISCHIO CAUSA PENSIONAMENTI

Il 60% dei camici bianchi dell'Ulss 9 ha più di 50 anni


TREVISO - Nel giro di alcuni anni ospedali e ambulatori trevigiani rischiano di trovarsi in carenza di medici. Nei prossimi cinque o dieci anni, infatti, un numero consistente di dottori maturerà la pensione e lascerà il servizio attivo: il 60% dei camici bianchi, oggi operanti nell'Ulss 9 ha più di 50 anni, il 13% è ultrassessantenne. Allo stato attuale potrebbero essere sostituiti solo in parte. Sia per i vincoli ai bilanci delle pubbliche amministrazioni, ma anche per la mancanza di aspiranti: secondo uno studio della Regione, il fabbisogno di medici in Veneto è quasi raddoppiato dal 2006, ma la quota di laureati e specializzati in medicina non è cresciuta in proporzione. La scarsità di ricambio riguarda alcune specialità come ortopedia e ginecologia, ma potrebbe interessare anche i medici ed i pediatri di base: in queste categorie si dal 2015 in poi si prospettano tra le 60 e le 65 uscite all'anno. I dati sono stati forniti, nel corso di un convegno su “La promozione della salute nella regione Veneto” organizzato dalla Cgil di Treviso, dal direttore generale dell'Ulss 9, Claudio Dario. Per il sindacato occorre adeguare il modello organizzativo del comparto per salvaguardare i livelli di assistenza ai cittadini.