Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Convegno Cgil sul futuro del settore in Veneto

MEDICI: ORGANICI A RISCHIO CAUSA PENSIONAMENTI

Il 60% dei camici bianchi dell'Ulss 9 ha più di 50 anni


TREVISO - Nel giro di alcuni anni ospedali e ambulatori trevigiani rischiano di trovarsi in carenza di medici. Nei prossimi cinque o dieci anni, infatti, un numero consistente di dottori maturerà la pensione e lascerà il servizio attivo: il 60% dei camici bianchi, oggi operanti nell'Ulss 9 ha più di 50 anni, il 13% è ultrassessantenne. Allo stato attuale potrebbero essere sostituiti solo in parte. Sia per i vincoli ai bilanci delle pubbliche amministrazioni, ma anche per la mancanza di aspiranti: secondo uno studio della Regione, il fabbisogno di medici in Veneto è quasi raddoppiato dal 2006, ma la quota di laureati e specializzati in medicina non è cresciuta in proporzione. La scarsità di ricambio riguarda alcune specialità come ortopedia e ginecologia, ma potrebbe interessare anche i medici ed i pediatri di base: in queste categorie si dal 2015 in poi si prospettano tra le 60 e le 65 uscite all'anno. I dati sono stati forniti, nel corso di un convegno su “La promozione della salute nella regione Veneto” organizzato dalla Cgil di Treviso, dal direttore generale dell'Ulss 9, Claudio Dario. Per il sindacato occorre adeguare il modello organizzativo del comparto per salvaguardare i livelli di assistenza ai cittadini.