Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, bottino di 5mila euro, indaga la polizia

AUTO-ARIETE CONTRO VETRINA, SPACCATA DEI LADRI DA "DIADEMA"

Negozio di argenteria di viale Brigata Marche nel mirino di una banda


TREVISO - Prima hanno rubato una vecchia Alfa 164 ad un residente di Carbonera, una donna di 60 anni, poi hanno utilizzato il mezzo come ariete per infrangere la vetrina del negozio di argenteria “Diadema” di viale Brigata Marche. Ammonta ad oltre 5mila euro il furto messo a segno nella notte da un commando formato da tre malviventi, ora braccati dalla polizia. L'episodio è successo mercoledì, poco dopo le mezzanotte. I residenti vengono improvvisamente richiamati da un boato, provocato appunto dall'impatto con l'auto: qualche testimone nota un giovane incappucciato all'esterno che fa da palo per i due complici, entrati all'interno per prendere la refurtiva composto perlopiù da vasi e statuette. I ladri, scattato l'allarme, sono rapidissimi: in meno di un minuto scappano a piedi verso Carbonera, abbandonano sul posto l'auto rubata e raggiungono un altro mezzo con cui si danno alla fuga. Sul posto giunge una volante della polizia ed il proprietario a cui non resta che fare la conta dei danni subiti.

Galleria fotograficaGalleria fotografica