Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lo Sceriffo: "Bossi ha sbagliato, lasci i problemi di coscienza al papa"

GENTILINI: "CHI HA VOTATO A FAVORE DI COSENTINO, VA ESPULSO DALLA LEGA"

Il vicesindaco furioso dopo il salvataggio dell'ex sottosegretario Pdl


TREVISO - Il salvataggio di Nicola Cosentino, l'ex sottosegretario del governo Berlusconi, accusato di camorra, per il quale la Camera ha negato l'autorizzazione all'arresto anche con i voti di alcuni leghisti, manda su tutte le furie Giancarlo Gentilini. “ A pensarci mi viene il voltastomaco - tuona lo Sceriffo -. La Lega è sempre stata contro mafia, 'ndrangheta e camorra: quelli che hanno votato a favore della mafia devono essere espulsi dal movimento”. Genty si dice d'accordo con Maroni e Salvini: “Bossi ha preso una posizione che non condivido. A lui dico: i problemi di coscienza sono un affare del papa, non di un combattente leghista”. Secondo il vicesindaco di Treviso atteggiamenti come quelli tenuti nel caso Cosentino rischiano di non essere compresi dalla base: “Stiamo già perdendo la fiducia, soprattutto di quei vecchi militanti iscritti da vent'anni. La Lega ha un unico credo politico: lotta senza remore contro tutte le mafie, le prostitute, i gay”.