Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Vita e carriera di Nidia Pausich

IL LIBRO: LA SIGNORA DEI CANESTRI

Intervista all'autore Silvano Focarelli


TREVISO - (ag) E' dedicato a una delle più grandi cestiste di tutti i tempi, l'ultimo lavoro del “nostro” giornalista sportivo Sivano Focarelli: “La signora dei canestri. Vita e Carriera di Nidia Pausich”, con la prefazione a firma di Dino Meneghin, edito da GS Printing. Classe 35, triestina di nascita ma da quarant'anni trevigiana di adozione, Nidia Pausich è un simbolo di vita votata allo sport, gloria della palla a spicchi al femminile. Insignita nel 2008 del premio Italia Basket Hall of Fame e nell'autunno scorso del premio della Fip come migliore giocatrice degli anni '60, Pausich vanta una carriera costellata da grandi successi, ma anche da qualche mesto rimpianto, nella vita sportiva come in quella privata. Una biografia in cui la vivacità narrativa di Focarelli si arricchisce della coinvolgente testimonianza della campionessa che con temperamento colora le vicende, non solo sportive, della sua vita. Notata giovanissima mentre giocava nell'oratorio della parrocchia, Nidia Pausich esordisce nella Triestina, per emigrare presto alla Fiat Torino e poi a Udine, Vicenza, Treviso. Otto scudetti, guadagnati in due tranches di fila: i primi tre alla APU Udine (dal 1958-59 al 1960-'61), gli altri cinque alla AS Vicenza (dal 1964-65 al 1968-69) e ancora: 136 gare con la nazionale italiana che la vede partecipare a sei campionati europei e a un mondiale, mettendola a confronto con le inespugnabili rivali dell'Est. Ma anche in Italia Nidia Pausich ha avuto aspre rivalità, come contro Bianca Rossi, "l'avversaria e basta". Negli anni '70 l'età la costringe a fare un passo indietro rispetto al bordo campo: da qui avrà inizio la sua carriera di allenatrice, non ancora destinata a terminare. Anche l'allenamento nasconde le sue sfide: emergere professionalmente in un ambito considerato prettamente maschile. Dicevamo, Nidia Pausich nella sua vita è riuscita a distinguersi più volte, ma è forse questa frase che di più coglie il suo spirito e le sue personali conquiste: “Il fatto di cui vado più orgogliosa è che io alla mia età e dopo tanto tempo sono ancora in palestra ogni giorno per quasi tre ore con i bambini [...]”. Buon ascolto e buona lettura!




Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
09/01/2012 - Il Libro: Sport, Unione europea e diritti umani
20/12/2011 - Il Libro: Mangia che ti passa
12/12/2011 - Il libro: Storia della danza italiana
05/12/2011 - Il libro: La dinastia Stucky
28/11/2011 - Il libro: Mani calde