Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudicate insussistenti le prove a carico del 50enne Luciano Da Re

NON SPIAVA I COLLEGHI: ISPETTORE ASSOLTO CON FORMULA PIENA

Rischiava 5 anni per accesso abusivo a un sistema informatico


TREVISO - (gp) Luciano Da Re è innocente. Il 50enne ex dipendente della direzione provinciale del lavoro scoperto, secondo l'accusa, a spiare e ad ascoltare le conversazioni private dei colleghi per capire cosa pensassero di lui, è stato assolto con formula piena dall'accusa di accesso abusivo a un sistema informatico per non aver commesso il fatto. Lo ha stabilito il giudice Angelo Mascolo il quale, dopo aver ascoltato la testimonianza di un tecnico informatico che ha di fatto scagionato l'imputato, ha giudicato infondate le accuse della Procura. Secondo l'accusa il meccanismo escogitato dall'imputato era semplice ma molto efficace: avendo a disposizione per motivi di lavoro la centralina telefonica dell'ufficio, il dipendente avrebbe manomesso gli apparecchi facendo in modo di poterli utilizzare come microfoni nel momento in cui voleva ascoltare le conversazioni dei colleghi. Per gli inquirenti avrebbe collegato il suo terminale a quello della sala riunioni, a cui aveva tolto la suoneria e impostato per entrare in vivavoce dopo il primo squillo. Una volta digitato il numero e lasciato squillare una volta, dalla cornetta del suo ufficio poteva tranquillamente sentire ciò che i suoi colleghi stavano dicendo nell'altra stanza. Un gesto che poteva costargli, essendo un ufficiale di pubblico servizio, una pena fino a 5 anni di reclusione. Ma il suo legale, l'avvocato Daniele Bellot, ha dimostrato che il telefono in sala riunioni poteva essere impostato in modalità vivavoce da chiunque digitando una semplice sequenza numerica. In più, oltre a non aver provato né l'interesse né tanto meno la necessità di spiare i colleghi, ai colloqui nella sala riunioni partecipava anche l'imputato.