Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra il 34enne Roberto Gallinaro e il 39enne Raffaele De Pasquale

CORRUZIONE IN CARCERE: SECONDINO E DETENUTO IN AULA

Il primo avrebbe messo a disposizione più volte un cellulare al secondo


TREVISO – (gp) Un agente di polizia penitenziaria e un detenuto entrambi imputati di corruzione. Nel processo a carico di Roberto Gallinaro, secondino di 34 anni di Giavera del Montello in servizio a Treviso, e di Raffaele De Pasquale, 39enne napoletano rinchiuso nella casa circondariale di Santa Bona, hanno sfilato i testi di accusa e difesa. Uno in particolare, un detenuto chiamato sul banco dei testimoni come persona informata sui fatti, ha ritrattato la sua iniziale versione che accusava i due imputati definendo false quelle dichiarazioni. Il motivo? Secondo il teste sarebbe stato l'allora comandante degli agenti a indurlo a dichiarare il falso in cambio di un lavoro all'interno del carcere. Il collegio dei giudici del tribunale di Treviso ha così rinviato l'udienza al prossimo 29 maggio e disposto la trasmissione degli atti alla Procura per far luce sulla vicenda. Da capire insomma se si sia trattata di una macchinazione contro l'agente di polizia penitenziaria o se il teste abbia mentito sotto giuramento. Fatto sta che per l'accusa Roberto Gallinaro avrebbe messo a disposizione di alcuni detenuti un telefono cellulare per comunicare con l'esterno ricevendo in cambio alcuni regali, in particolare un orologio, che sarebbe stato ceduto proprio da Raffaele De Pasquale il quale sarebbe rimasto in contatto con una donna che in fase di indagini preliminari ha confermato di aver parlato più volte al telefono con il detenuto.