Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, assolta con formula piena una 34enne ucraina

INCAPACE DI INTENDERE E DI VOLERE AL MOMENTO DEI FURTI

L'ex badante era finita in manette per furto due volte in 9 ore


TREVISO – (gp) Affetta da un disturbo psicotico incompatibile con il carcere, derivato da una malattia infettiva che l'ha portata alla totale incapacità di intendere e di volere al momento dei fatti. Partendo da questo presupposto il giudice ha assolto con formula piena perchè il fatto non costituisce reato T.B., l'ex badante ucraina di 34 anni finita in manette per due volte nel giro di 9 ore. Il processo per direttissima a carico della donna, difesa dall'avvocato Daniele Panico che ha deciso di far giudicare la sua assistita con il rito abbreviato subordinato a una perizia psichiatrica, si è dunque concluso con una sentenza di assoluzione. La donna, che da qualche mese era ricoverata presso l'ospedale pischiatrico di Conegliano per essere curata, è già stata dimessa per aver superato la malattia. Era il 12 luglio dello scorso anno quando la donna venne sorpresa con in mano una decina di antenne d'auto, in tasca alcuni specchietti e componentistica varia tra cui diversi tergicristalli. I carabinieri di pattuglia lungo via Garibaldi a Conegliano beccarono la ladra mentre stava staccando da una vettura l'ennesima antennina della sua “collezione”. La donna poco meno di una settimana prima era già stata fermata per alcuni furti nei negozi del centro di Conegliano e in particolare alle Poste dove poi venne fermata.