Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Blitz dei carabinieri, centinaia di preservativi nascosti in frigo

RESANA: SEGREGATA IN CASA, ERA LA STAKANOVISTA DEL SESSO

Alcova in via Giorgione: dieci clienti al giorno per una 29enne cinese


RESANA - Viveva segregata in un appartamento di via Giorgione a Resana: è qui che quotidianamente accoglieva una decina di clienti da soddisfare sessualmente in un'alcova scoperta la scorsa settimana dai carabinieri di Castelfranco e dalla polizia locale. Viveva da prigioniera, con la spesa portata settimanalmente dai suoi sfruttatori, una 29enne cinese, irregolare. A farla arrivare dall'oriente con il miraggio di un lavoro e poi sistemata a Resana erano un 59enne e la compagna 40enne: entrambi cinesi e ora irreperibili sono accusati di sfruttamento e favoreggiamento alla prostituzione. Le prestazioni di questa “stakanovista del sesso” erano pubblicizzate come “massaggi” nel settimanale di annunci “Aladino by night”: ogni due, tre giorni i suoi sfruttatori venivano a prelevare il denaro guadagnato grazie alle sue prestazioni. Il patto era ben chiaro: ogni rapporto sessuale veniva fatto pagare 50 euro, di cui 30 finivano alla coppia di cinesi, 20 alla prostituta. Ritrovata nel frigorifero una bottiglia di latte vuota in cui erano occultati almeno cento preservativi. Decine i clienti del “bordello” di via Giorgione: tra questi anche un pensionato, sposato e nonno di due nipotini che è stato chiamato dai carabinieri a testimoniare circa le sue frequenti visite di piacere alla 29enne che ora sarà espulsa.

Galleria fotograficaGalleria fotografica