Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Inflitta una pena di sei anni e otto mesi di reclusione a un 42enne romeno

COSTRINGE LA FIGLIA A SUBIRE RAPPORTI SESSUALI: CONDANNATO

L'uomo, ricercato in tutta Europa, abus˛ della piccola per 5 anni


TREVISO – (gp) Per 5 anni abusò sessualmente della figlia minorenne. Questa la pesante accusa che ha portato a un'altrettanto pesante condanna: sei anni e otto mesi di reclusione. A decidere la sorte di un romeno di 42 anni è stato il collegio dei giudici del tribunale di Treviso che in aula ha ascoltato il racconto agghiacciante della vittima dei soprusi. Risalgono al 2005 le prime avances del padre nei confronti della figlia, quando lei aveva appena nove anni. Col tempo i palpeggiamenti diventarono sempre più spinti tanto da sfociare in rapporti sessuali completi. Le esigenze del padre orco venivano vissute con dolore, angoscia e terrore dalla bambina che, però, non sapeva o non poteva confidarsi né con la madre né con altri. Per quattro anni gli abusi sono andati avanti con una frequenza costante. A rendere credibile il racconto della bambina, oltre a una serie di dettagli inconfutabili, ci sono la relazione di uno psicologo, ma soprattutto la perizia ginecologica eseguita da uno dei massimi esperti del settore per quanto riguarda i bambini. Il 42enne romeno, che è riuscito a dileguarsi quando ha percepito d’essere stato scoperto, è tuttora ricercato in tutta Europa. Il 42enne era anche accusato di falso perché nell’ottobre 2009 a Treviso, avrebbe contraffatto o contribuito a falsificare un "permesso a condurre" e una carta d’identità romene per i quali avrebbe fornito una propria fotografia, ma con un nome inventato. Con quei documenti, sempre per la Procura, l’imputato avrebbe raggirato una serie di negozianti, riuscendo ad attivare numerose utenze telefoniche che non ha però potuto utilizzare perché costretto a fuggire proprio a causa dello scoppio dell’inchiesta sullo stupro della figlia.