Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra per sfruttamento della prostituzione il bulgaro Andrei Velinov

SI TENEVA PARTE DEI PROFITTI DI UN TRANS: 16 MESI

Il giudice lo ha condannato a un anno e quattro mesi di reclusione


TREVISO – (gp) Un anno e quattro mesi di reclusione per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Questa la condanna inflitta ad Andrei Velinov, giovane bulgaro accusato di procurare i clienti a un trans sudamericano e di trattenersi parte dei proventi delle prestazioni. Il viado, sentito nel corso di un incidente probatorio nell'aprile dello scorso anno, aveva cercato di scagionare il suo sfruttatore dicendo che Velinov era soltanto un amico, che i clienti se li procurava da solo online attraverso annunci su siti specializzati e che si era trasferito a Treviso da Milano di sua spontanea volontà visto che, come ha dichiarato lui stesso, “a Treviso si fanno affari d'oro”. La sua testimonianza però non è bastata a salvare Velinov dalla condanna. L'impianto accusatorio infatti ha retto considerate le prove a carico dell'imputato portate dagli inquirenti che indagavano sul fenomeno della prostituzione di transessuali in provincia.