Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra per sfruttamento della prostituzione il bulgaro Andrei Velinov

SI TENEVA PARTE DEI PROFITTI DI UN TRANS: 16 MESI

Il giudice lo ha condannato a un anno e quattro mesi di reclusione


TREVISO – (gp) Un anno e quattro mesi di reclusione per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Questa la condanna inflitta ad Andrei Velinov, giovane bulgaro accusato di procurare i clienti a un trans sudamericano e di trattenersi parte dei proventi delle prestazioni. Il viado, sentito nel corso di un incidente probatorio nell'aprile dello scorso anno, aveva cercato di scagionare il suo sfruttatore dicendo che Velinov era soltanto un amico, che i clienti se li procurava da solo online attraverso annunci su siti specializzati e che si era trasferito a Treviso da Milano di sua spontanea volontà visto che, come ha dichiarato lui stesso, “a Treviso si fanno affari d'oro”. La sua testimonianza però non è bastata a salvare Velinov dalla condanna. L'impianto accusatorio infatti ha retto considerate le prove a carico dell'imputato portate dagli inquirenti che indagavano sul fenomeno della prostituzione di transessuali in provincia.